Lunedì, 10 Dicembre 2018 06:12

Tre milioni di euro per via Nazionale dalla Regione Campania. Pirozzi: «E' il finanziamento che abbiamo inseguito con maggiore insistenza». Entro fine primavera il via ai lavori

«L’impegno degli ultimi tre anni di amministrazione, per affrontare e risolvere i problemi della Nazionale Appia, viene coronato da questo importante finanziamento». E' il sindaco Andrea Pirozzi, a commentare la notizia del finanziamento da 3 milioni di euro della Regione Campania per il comune di Santa Maria a Vico.

«Voglio congratularmi - dice Pirozzi - con l’Ufficio tecnico comunale, sia per la realizzazione di questo progetto esecutivo sia per gli altri due ritenuti idonei ed in graduatoria, che speriamo vengano anch'essi presto finanziati. L'attuale amministrazione ha finora ottenuto degli straordinari risultati finanziari in altri campi, ma quello a cui abbiamo maggiormente lavorato e che abbiamo inseguito con forza, con periodici incontri presso la Regione Campania, è proprio questo. Riqualificheremo l’intero tratto comunale, da via Ruotoli a via Cantina Zi’ Michele: in primis, con la messa in sicurezza del manto stradale, anche aumentando la portata della sottofondazione per eliminare le vibrazioni degli edifici, che tante preoccupazioni stanno dando ai nostri concittadini che abitano lungo l’arteria; e poi con un nuovo cospicuo pacchetto di asfalto. Realizzeremo anche la regimentazione delle acque lungo alcuni tratti e la messa in sicurezza del cavalcaferrovia, con l’illuminazione ed il rifacimento di tutti i guard rail. Nei tratti più pericolosi, come deterrente per la velocità, sono previsti anche elementi spartitraffico, per separare i due sensi di marcia. L'impegno assunto da questa amministrazione nei confronti della Nazionale Appia viene così mantenuto: dopo la presa di posizione, che stiamo portando avanti con le Prefetture di Caserta e Benevento, per la chiusura al traffico pesante, portiamo a casa anche il finanziamento richiesto. E, ci tengo a precisare, anche in questo caso senza incidere sulle tasche dei cittadini di Santa Maria a Vico. Per la fine della prossima primavera contiamo di iniziare i lavori. Dopo aver seminato nei primi tre anni, ora cominciamo a raccogliere i frutti dell’intenso lavoro messo in campo dall’intera amministrazione comunale».

Il finanziamento è stato ottenuto nell’ambito dei programmi di intervento sulla viabilità regionale, di cui ai Decreti dirigenziali della struttura di missione “Attuazione Delibera Cipe 54/2016”, con le risorse dei Fondi per lo Sviluppo e la Coesione 2014/20. L’intervento in oggetto si è classificato al 211esimo posto della graduatoria, sui 285 finanziati.

 

 

Recupero ambientale Cava Balletta, Pirozzi: «Abbiamo già preannunciato il nostro parere contrario al progetto»

«Non si tratta di recupero ambientale ma di una discarica: così non possiamo essere favorevoli e pertanto abbiamo già preannunciato il nostro parere contrario a questo progetto». E' la posizione del comune di Santa Maria a Vico al progetto di recupero ambientale della Cava Balletta, illustrata ieri mattina dal sindaco Andrea Pirozzi durante l’insediamento della conferenza dei servizi, propedeutica al rilascio del provvedimento di Via-Vi, tenutasi presso gli uffici del settore tecnico amministrativo "Valutazione Ambientale" della Regione Campania. Unitamente all’assessore all’ambiente Pasquale Crisci ed al dirigente Roberto Cuzzilla, Pirozzi ha partecipato alla riunione cui erano presenti, oltre ai tecnici della regione, anche l’Arpac e la società L'Elianto, presentatrice del progetto. Assenti invece la Provincia di Caserta ed il Genio Civile di Caserta.

«Ho voluto essere presente all’insediamento della conferenza dei servizi – prosegue Pirozzi, presente poche ore dopo il rientro da Bruxelles (di cui al comunicato precedente) -, nella quale la società ha illustrato il progetto, per esprimere con cognizione di causa il parere dell’ente. Così come avevo annunciato in precedenza, saremmo favorevoli ad un risanamento ambientale della cava ma non certamente all’insediamento di una discarica: pertanto abbiamo evidenziato tutte le nostre preoccupazioni rispetto ai codici di rifiuto Cer richiamati nel progetto che non ci convincono affatto. Abbiamo evidenziato che il comune di Santa Maria a Vico capta acqua potabile da pozzi di proprietà comunale sottostanti e non possiamo in nessun modo mettere a rischio il nostro patrimonio idrico. Abbiamo annunciato anche una problematica di carattere urbanistico rispetto all’area giochi che la società propone ad ultimazione del progetto e rinunciato ad avanzare richieste in merito a misure di compensazione ambientale di cui al decreto legislativo 152/2006, evidenziando tutta una serie di criticità che non consentono l’assenso del nostro ente su tale intervento. Pertanto abbiamo formalmente annunciato il nostro parere contrario alla realizzazione di questo progetto ed altresì ci siamo riservati di trasmettere una approfondita relazione tecnica a supporto di quanto annunciato. La società ha provato a spiegarci che il risanamento ambientale della Cava, se otterrà le autorizzazioni, sarà effettuato solo con materiali inerti. Però il progetto attuale, l’unico presentato, prevede anche altro. Posso assicurare che terremo alta la guardia su questo tema».

La conferenza di servizi è stata aggiornata al 19 dicembre. Il sindaco darà comunicazione su questa materia anche nel consiglio comunale convocato per il pomeriggio.

 

Seguici su Facebook