Sabato, 17 Novembre 2018 14:43
La colite ulcerosa è una Malattia Infiammatoria Cronica Intestinale che coinvolge selettivamente la mucosa dell'intestino crasso; colpisce primariamente la mucosa del retto e può estendersi al colon in modo continuo. È una patologia caratterizzata da un'infiammazione cronica causate lesioni ulcerosa il cui andamento è caratterizzato dall'alternarsi di episodi acuti seguiti da periodi di remissione clinica. Il massimo tasso di incidenza si riscontra nei paesi industrializzati. In Italia il numero di nuovi casi l'anno è compreso tra 6 e 8 su 100.000 abitanti. In Italia si stimano i 60 ed i 100.000 casi, con una distribuzione sostanzialmente equilibrata tra i sessi.…
La follicolite è l'infiammazione, associata all'infezione acuta, della parte superiore del follicolo pilifero. In parole più semplici, si parla di follicolite per indicare i classici brufoletti che possono originare in una qualsiasi zona della pelle ricoperta da peli più o meno evidenti (ovvero in un qualunque punto dell'epidermide, fatta eccezione per i palmi delle mani e per le piante dei piedi). Le cause sono molteplici e non sempre facilmente identificabili. In genere, le infezioni costituiscono il principale fattore scatenante; più in particolare, le follicoliti infettive sono provocate soprattutto da: -Batteri (es. Staphylococcus aureus e Pseudomonas aeruginosa) -Funghi (es. Candida albicans,…
L'ittiosi Arlecchino - anche nota come "cheratosi fetale diffusa" o "feto Arlecchino" - è una genodermatosi, assai rara, che trasforma il corpo di chi ne è affetto in forme grottesche e mostruose. Purtroppo, proprio per questo motivo, l'ittiosi Arlecchino "attira" un numero consistente di persone, sempre più incuriosite dai riscontri patologici della malattia. I nomi "cheratosi fetale diffusa" e "feto Arlecchino" derivano dal fatto che gli individui che ne soffrono tendono a nascere prematuri. E' una malattia genetica trasmessa in modo autosomico recessivo: i sintomi si manifestano sin dalla nascita, quindi non può manifestarsi nel corso della vita. Secondo recenti…
La gastroenterite virale è un’infezione intestinale spesso erroneamente definita “influenza intestinale; si tratta di un’infiammazione delle pareti dell’intestino causata da virus o, più raramente, batteri o altri parassiti (ma in questo caso ovviamente l’infezione non è definibile virale). Si tratta di una delle malattie di più frequente diagnosi ed è causata tipicamente da contatto con una persona infetta, ingestione di alimenti o acqua contaminati. La miglior forma di prevenzione è un frequente lavaggio delle mani, ma si tratta di un disturbo capitato a tutti almeno una volta nella vita perché, purtroppo, non di sempre possibile prevenzione. I sintomi caratteristici possono…
La mononucleosi è una malattia infettiva, acuta e contagiosa, molto diffusa tra i giovani. Il responsabile è il virus di Epstein-Barr (EBV), appartenente alla famiglia degli Herpes Virus. Una volta penetrato nell’organismo, infetta un tipo di cellule del sistema immunitario (linfociti B). Secondo le stime, circa il 90% della popolazione adulta entra in contatto con l’Epstein-Barr virus, la maggior parte della quale, però, senza saperlo. Essa, infatti, dà dei sintomi solo quando colpisce soggetti con un sistema immunitario indebolito. Nella maggior parte dei casi, si contrae una sola volta nella vita, acquisendo, quindi, immunità. In casi rari, tuttavia, i sintomi…

Seguici su Facebook